La Romantische Strasse e la Foresta Nera

Condividi su:

15 – 19 Agosto 2017

Il parco di Leichilingen e Limburg an der Lahn

Partiamo al mattino lasciando i Paesi Bassi ed entrando in Germania già si nota la differenza: strade dissestate o completamente interrotte per lavori (costretti quindi a deviazioni che allungano di molto il nostro percorso), piccoli centri abitati con molto traffico e caos: sembra che la quiete e la pace dei Paesi Bassi sia già un lontano ricordo.

Dopo diverso girovagare, siamo stanchi e ci fermiamo nel primo paese dove vediamo segnalato un campeggio: ci troviamo a Leichilingen dove tra l’altro è segnalato un parco all’interno di un bosco da visitare.

Arriviamo al CampingPlatz segnalato sulla strada (tra l’altro senza un nome preciso) e più che un campeggio ci sembra un accampamento nomadi: paghiamo €20,00 e ci fanno sistemare sul prato. Siamo gli unici ad essere in camper, sono tutte tende e roulotte. Faccio notare al titolare che il terreno è molto bagnato e forse c’è il rischio di piantarsi. Lui, quasi deridendomi, mi rassicura.

Un po’ perplessi ci piazziamo ed usciamo per visitare il parco Sinneswald Sculture  che si trova a pochi passi. L’ingresso è libero e ci siamo solo noi e poche altre persone. Si tratta di un parco all’interno di un bosco, con tante sculture realizzate con diversi materiali e dai significati non del tutto comprensibili. Non riusciamo a trovare molte informazioni su questo parco, ma sicuramente è molto particolare e artistico.

Torniamo in quella specie di campeggio e ci chiudiamo in camper: è la sera di ferragosto e avevamo in mente di farci un bel barbecue, ma non ci sembra proprio il luogo adatto. Intanto sia adulti che bambini, non capiamo se siano ospiti o proprietari, fanno una confusione incredibile fra urla e chiacchiericcio ad alta voce.

Al mattino seguente, abbiamo fretta di andarcene ma, come era prevedibile, ci siamo piantati e per uscire diventiamo matti. Dopo aver cercato invano pale e tavole di legno, finalmente escono i proprietari che chiamano altre persone e a spinta riusciamo ad uscire.

Partiamo di nuovo direzione con Rothenburg ob de Tauber, ma prima ci fermiamo a Limburg an der Lahn : piccolo paesino tipico della Germania, con una bella cattedrale, tanti negozietti artigianali e le classiche case a graticcio.

Tra i vicoli di Limburg

Il simbolo della città è senz’altro il Duomo, capolavoro architettonico che combina lo stile romanico a quello gotico.

Dedicato ai Santi Giorgio e Nicola, non si conosce con esattezza la data della posa della prima pietra, ma certamente fu costruito nell’arco di trent’anni circa e venne consacrato nel 1235.

La facciata è caratterizzata dalle due torri gemelle e suddivisa in cinque livelli con al centro un grande rosone, circondato a sua volta da otto rosoni più piccoli, mentre l’interno è a croce latina diviso in tre navate.

Facciata del Duomo di Limburg

Rothenburg ob de Tauber e il Museo del Natale

Proseguiamo il nostro viaggio e ci dirigiamo verso la Romantische Strasse godendo del bellissimo panorama di questa zona.

Per la notte ci fermiamo nel Campingplatz Tauberromantik a Rothenburg ob de Tauber, tipico paesino della Romatinque Strasse in Baviera che si erge sul colle che domina il fiume Tauber. Finalmente riusciamo a festeggiare ferragosto con un bel barbecue!

Barbecue in preparazione

La mattina seguente visitiamo il centro storico medioevale che è circondato da possenti mura e fortificazioni.

Durante la seconda guerra mondiale un terribile bombardamento distrusse una parte del centro storico, ma alla fine della guerra iniziarono i lavori di ricostruzione che hanno portato Rothenburg alla sua attuale bellezza.

Rothenburg ob de Tauber

La piazza principale è la Markplatz (piazza del mercato) dove, oltre ad essere il luogo principale della vita cittadina, si trova anche il Rathaus (Municipio). Ma il fulcro turistico di questa cittadina è sicuramente il Villaggio – Museo del Natale, aperto dal 1981 con un negozio che conta oltre 30.000 articoli tra addobbi e decorazioni natalizie. Impossibile non trovarlo: davanti al negozio è infatti parcheggiata la “carrozza” di Babbo Natale!

Davanti all’ingresso del Museo del Natale

E’ un po’ strano ad agosto visitare un museo di decorazioni natalizie, ma comunque è sempre piacevole, soprattutto per le bambine!


Le cascate di Triberg e l’orologio a cucù di Schonach

La mattina seguente arriviamo a Triberg attraversando una parte della Foresta Nera.

Triberg è famoso per le cascate e soprattutto per gli orologi a cucu’ artigianali. E’ impossibile non entrare in uno dei tanti negozi e ammirare queste vere e proprie opere d’arte. Alcuni orologi costano anche qualche migliaia di euro, ma li valgono tutti!

Triberg: uno dei negozi di orologi a cucù

Ci addentriamo anche nel bosco dove si possono ammirare le cascate e, se si è fortunati, anche i numerosi scoiattoli che vi abitano. All’ingresso del parco, infatti, vendono sacchetti di noccioline da lasciare agli scoiattoli. Non riusciamo ad avvicinarli ma ne vediamo solo alcuni in alto sugli alberi.

Le cascate di Triberg, con i suoi 163 metri, sono tra le più alte della Germania. Si generano dal fiume Gutach e si sviluppano su 7 livelli.

Le cascate di Triberg

Ci spostiamo di qualche chilometro e arriviamo a Schonach, dove si trova il più grande orologio cucù al mondo, visibile dalla strada: è una casa museo a forma di orologio a cucù costruita 37 anni fa dal suocero della proprietaria.

All’interno della casa si può ammirare il meccanismo completo del cucù. Ovviamente attendiamo le 12:30 per vedere il momento in cui l’uccellino esce dalla finestra della casa.

Lasciamo la Foresta Nera e arriviamo a Bodensee al Camping Schloss Helmsdorf  dove sostiamo per la notte. Essendo solo le 4 del pomeriggio, ne approffittiamo per fare un bel bagno al lago … giusto in tempo perchè poco dopo scoppia un temporale con un gran acquazzone.


Schwangau e il Castello di Neuschwanstein

ALCUNE INFORMAZIONE PER LA VISITA…

  • meglio arrivare al mattino presto (soprattutto per chi non ha prenotato i biglietti on line);
  • parcheggiare a Hohenschwangau;
  • se non si sono acquistati i biglietti on line, i biglietti sono acquistabili presso la biglietteria di Hohenschwangau;
  • possibili file per acquistare i biglietti;
  • nel biglietto vi è indicato l’orario per la visita guidata (non è possibile visitare il castello liberamente);
  • il castello è raggiungibile a piedi (camminata di circa 30/40 minuti) oppure con il calesse (servizio a pagamento);
  • all’ingresso del castello bisogna attendere la chiamata del numero del proprio Tour;
  • non è possibile fare foto o riprese all’interno del castello.

Al mattino arriviamo a Schwangau per visitare il famoso castello della Walt Disney: Schloss Neuschwanstein.

Questo castello rimane su un’altura che domina tutta la vallata di Schwangau e da cui si gode di un bellissimo panorama.
Il castello di Neuschwanstein è uno dei simboli della Baviera nel mondo.

Costruito per voledere del “re delle favole” Ludwig II di Baviera (1845-1886) a partire dal 1869, venne edificato sullo stile delle antiche residenze feudali tedesche. Il re Ludovico II, infatti, rimase folgorato da una visita alla fortezza medievale di Wartburg in Turingia e decise di riportare tale stile al suo castello.

Castello di Neuschwanstein

A seguito di una battaglia da cui ne uscì perdente, il re Ludovico si ritirò nel castello e non volle più vedere e ricevere nessuno, lasciando il paese al suo destino. All’età di 40 anni, venne così arrestato nella sua camera da letto con l’accusa di non essere più in grado di governare il paese. Portato in prigione, il giorno seguente venne trovato morto annegato (non se ne conoscono i motivi).

Walt Disney, rimastone affascinato, prese Neuschwanstein come modello per il castello del suo celebre film d’animazione “La bella addormentata nel bosco” (1959) e da quel momento l’immagine del castello è in tutte le copertine dei film di Walt Disney.

Per la visita del Castello abbiamo impiegato praticamente la giornata: siamo arrivati un po’ sul tardi al parcheggio (erano già le 11:00), abbiamo fatto mezz’oretta di fila per fare il ticket e il primo orario disponibile era per le 14:00; così nel frattempo abbiamo pranzato nel bar/ristoro e con calma ci siamo incamminati verso il castello (30 minuti a piedi) dove abbiamo atteso la chiamata del nostro Tour.

Durante la visita è possibile accedere solo ad alcune stanze del castello che sono di una sfarzosità mai vista: bellissime!

Non si possono fare fotografie e riprese ma, al termine della visita, presso il negozio di souvenir, è possibile acquistare le cartoline degli interni del castello.


Area Download

ATTENZIONE: PREZZI E SERVIZI POTREBBERO NON ESSERE AGGIORNATI. CONSULTARE SEMPRE IL SITO DIRETTO DELLE STRUTTURE NOMINATE.

ELENCO AREE CAMPER CON RECENSIONI

Condividi su:
Mi chiamo Monica e amo viaggiare in camper con la mia famiglia. Mi piace scrivere e condividere le mie esperienze di viaggio con altri camperisti e non. Così ho creato il Blog "Pronticampervia", dove sono raccolti tutti i nostri viaggi in Italia e in Europa con itinerari, consigli, curiosità ed elenco aree camper in cui siamo stati. Buona lettura! 😊🚌💚
Articolo creato 40

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + diciannove =

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto